read

Le mappe: uno strumento per fare lead generation

By GN SRL

Come abbiamo visto nelle scorse Tendenze Digitali, le mappe vengono usate come strumento visuale per migliorare l'interazione e suggerire nuovi approcci al mercato.

Se prima le mappe venivano usate dall'agente solo come elemento di pura navigazione per organizzare il suo giro visite, ora vengono utilizzate per fare lead generation e sono diventate un sostituto dell'elenco clienti. Con queste mappe infatti l'agente può accedere alle informazioni di un cliente in pochi e semplici click senza dover necessariamente leggere l'intero elenco clienti.

Le mappe aiutano ad:

  • Analizzare le informazioni più velocemente
  • Aiutare a pianificare il giro visite in base a diverse combinazioni (es. cerco i clienti vicino alla zona in cui mi trovo che non ho visitato lo scorso mese)
  • Non trascurare situazioni dormienti e verificare la penetrazione delle vendite

Le mappe per fare lead generation

Ecco un esempio di come puoi utilizzare le mappe per generare nuovi lead.

HubSpot Video

 

Con le mappe puoi cercare nuovi lead tramite delle parole chiave (ad es. "manutentori") in una zona specifica, che può essere più o meno ampia e vedere la loro posizione geografica tramite Google Places.

Una volta posizionata la ricerca su una zona specifica, puoi decidere se importare tutti i lead presenti o selezionare quelli da escludere tramite l'icona della pattumiera.

Dopo aver effettuato l'importazione, puoi ritrovare i contatti importati accedendo all'elenco dei lead. Puoi anche salvare la ricerca ed utilizzarla in un secondo momento.

Le mappe come sostituto dell'elenco clienti

Oltre alla ricerca dei lead, le mappe possono essere usate per gestire i clienti in modo più semplice e veloce. In questo caso le mappe vengono usate al posto dell'elenco clienti, non solo per capire da chi andare, ma anche per accedere ai dati di uno specifico cliente in pochi e semplici click.

Nella mappa si possono inoltre collocare centinaia di marcatori arricchendo l'informazione con colori e forme. Un elenco, invece, arriva al massimo a una cinquantina di righe e dunque, a causa dello spazio ristretto, non può contenere tante informazioni.

In più, tramite le mappe hai la possibilità di aggiungere dei filtri per effettuare delle ricerche combinate: per esempio puoi cercare i clienti in base al periodo di ultimo ordine (ad es. >180 giorni).

 

Scarica la guida gratuita

Rimani informato su come coltivare i tuoi clienti con strumenti digitali

Check-list-guida-crm-cta